Psicologia, Cure Complementari, Benessere

I fragili “guadagni” della sofferenza

Scoprire di avere un sintomo psicologico o psicosomatico (come ansia, panico, depressione, dolori senza una causa organica rilevabile ecc.), certo, non è piacevole. Però a volte, “stranamente”, ci conviviamo fino al punto di permettere al disturbo di radicarsi in noi e di cronicizzarsi, o fino a quando non ne siamo completamente sopraffatti.

Come mai?

Una possibile spiegazione ci viene dai così detti “vantaggi secondari”, cioè da tutti quei benefici che, paradossalmente, possiamo ricavare da una condizione di sofferenza.

Eccone alcuni esempi:

Ottengo più attenzione da parte del mio ambiente sociale

coccole4

Amici, parenti e conoscenti, magari si preoccupano per me, mi manifestano il loro affetto, oppure mettono in atto comportamenti di cura nei miei confronti. Mi stanno più vicini o rinunciano a mete personali, dandomi prova e misura della mia importanza, di quanto sono amato.

Ho la possibilità di pensare di più a me stesso

isolarsi

Riesco a sentirmi bene anche nel rifiutare amicizie, inviti, incontri sociali. Posso smettere di occuparmi di altre persone, per dirigere la mia energia verso me stesso, me stessa, oppure evitare di prendere decisioni importanti…in fin dei conti la mia sofferenza mi permette tutto questo e lo legittima agli occhi degli altri. E poi, in questo caso, non vengo giudicato né egoista, né asociale per i miei comportamenti.

Posso risparmiarmi fatica e lavoro

licenziarsi

Sono giustificato nelle mie assenze o per alcune mie inefficienze nell’attività lavorativa. Oppure posso riposarmi senza essere biasimato. O addirittura licenziarmi o essere licenziato senza sentirmi responsabile o in colpa e senza ricevere critiche da parte di altri.

Più in generale, ho la possibilità di ottenere aiuto e facilitazioni da un punto di vista lavorativo, economico o semplicemente emotivo.

freud e dora
Sigmund Freud e la sua paziente Dora

In “Frammento di un’analisi d’isteria – Il caso clinico di Dora” (1901), Freud scrive che “Il motivo della malattia corrisponde al proposito di realizzare un certo beneficio”, che egli definisce come “la soluzione più comoda nel caso di conflitti psichici”, nella misura in cui “risparmia prima di tutto uno sforzo”.

Dunque, secondo Freud, ogni sintomo psicologico è la via più semplice per ottenere una riduzione delle tensioni generate da una situazione conflittuale.

I lottatori
“I lottatori” – Galleria degli Uffizi – Firenze

Tuttavia questo beneficio si rivela anche un rimedio scarsamente utile e soprattutto poco stabile. Perchè il sintomo compare in sostituzione di un moto pulsionale, che viene relegato nell‘inconscio, ma che rinnova in continuazione la sua esigenza di soddisfacimento, trascinando così l‘io in una nuova ed estenuante lotta difensiva.

Perciò i benefici così ottenuti, si rivelano un “fragile guadagno” (S. Freud, “Inibizione, sintomo e angoscia”, 1926).

Perchè, dunque, aspettare?

Ma soprattutto, perchè, invece, agire.

Per ritrovare un nuovo equilibrio psichico, più adatto alla realtà attuale. Per conoscersi meglio e riprendere possesso delle proprie energie psicofisiche. Per ricominciare a vivere manifestando le proprie potenzialità…Insomma, per avere un futuro più scorrevole, sereno e significativo per se stessi.

Dedicarsi il tempo di un percorso di consapevolezza interiore e di cura dei sintomi psicologici o psicosomatici, ha sicuramente valore e importanza. Significa investire su di sè, sul proprio unico cammino esistenziale ed esperienziale, significa considerarsi preziosi prima ancora che la nostra psiche ce lo ricordi o ci costringa ad accorgercene!
FULVIA GABRIELI – PSICOLOGA

Bibliografia

dizionario di psicanalisi

Roland Chemama e Bernard Vandermersch (a cura di), Dizionario di Psicanalisi, Gremese Editore, Roma, 2004


1

Roland Chemama: docente di filosofia e psicanalista a Parigi, è autore di molte pubblicazioni di argomento psicanalitico, soprattutto di orientamento lacaniano. E’ presidente dell’”Assiociation Lacanienne Internationale” e della “Fondation Européenne pour la Psychanalyse”.


bernard-vandermersch Bernard Vandermersch:

Bernard Vandermersch: Bernard Vandermersch: psichiatra e psicanalista a Parigi. E’ membro dell’”Ecole freudienne de Paris”. Insieme a a Roland Chemama, ha diretto la realizzazione del Dizionario di Psicanalisi, coordinando il lavoro di circa settanta diversi autori.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...